Crea sito

Origini


Home  Libri  webcam  Arte  uffizi   Origini   Personalità    Napoli   Ecopoint   suor coppola   1982   pino visone   schisano   ambiente   musica   ogaristi   Simeone  Dante


(Foto Pm.)


Origini di casal di principe


La nascita di casale
Il comune di Casal di Principe è situato nella pianura di Terra di Lavoro specificamente tra il bacino inferiore del Volturno e l'agro aversano in zona bonificata, a tre chilometri a sud dei Regi Lagni, corsi d'acqua minori che corretti ed inalveati in occasione delle opere di bonifica, costituiscono insieme al fiume Volturno la rete idrografica della zona. Durante il periodo fascista ha costituito, con i vicini comuni di San Cipriano d'Aversa e Casapesenna, il comune di Albanova, appartenente alla Provincia di Napoli, per poi dividersi di nuovo nel dopoguerra.
Le prime notizie su Casal di Principe risalgono ai tempi della civiltà degli Osci, precedente a quella dei romani i quali utilizzarono questa zona come avamposto sul litorale Domizio e vi erano di stanza poche guarnigioni. Inizialmente chiamato solamente Casale, sembra che sia nato dopo la distruzione della vicina Liternum (Patria): infatti l'esercito barbarico lasciò ovunque morte, distruzione e terrore nell'animo dei Liternesi, i quali vagarono nelle campagne dando vita ai Locus "aggregazioni di case", da uno di questi dovette iniziare Casal di Principe.
Da fonti non meglio identificate sembra che il nome Casal di Principe derivi da un evento risalente al periodo 1458-1490 durante il quale Mattia Corvino fu re d'Ungheria. Sembra che un suo figlio naturale di nome Stanislao abbia attentato alla vita del padre per subentragli sul trono. Scoperta la tresca, Mattia, che era imparentato con Ferdinando I d'Aragona re di Napoli per averne sposata la figlia Beatrice, fa arrestare il figlio insieme con i complici e, per non ammazzarlo, li espelle dal regno chiedendo per essi ospitalità a Ferdinando I. Viene a loro assegnato un vecchio casale ubicato in una zona malsana e acquitrinosa dell'entroterra, appunto perché doveva essere una punizione.
Appendice
la leggenda narra che l'area dove oggi sorge casale fosse un posto impervio,malsano e di difficile raggiungimento.un area da evitare, al tempo di ferdinando primo, a quando si dice in questa zona malsana e paludosa venivano reclusi delinquenti di ogni parte del regno,e se questa leggenda cittadina fosse vera, noi oggi fossimo i diretti discendenti di questi reclusi,questo in parte spiegherebbe la natura aggressiva e prepotente di una buona percentuale della popolazione di casale,
HOME