Crea sito

Storia di un innocente

il caso Ogaristi


Roberto Ogaristi,a detta di tutta la comunità, e di chi lo conosce da quando e nato,e un ragazzo modello,gran lavoratore e di buona famiglia.famiglia che non ha mai fatto parlare di sè. se non di cose positive,famiglia molto apprezzata in paese quella di roberto,purtroppo il destino a voluto che il buon roberto incappasse in un processo giudiziario che gli priverà di sette lunghi anni della propria libertà,accusato ingiustamente da un fantomatico testimone di omicidio,l'accusa e di aver ucciso un uomo, Antonio Amato nell'ambito della faida di camorra a Villa Literno nel 2002.chi conosce alberto,sà benissimo che con la camorra,alberto non c entra proprio nulla,e un accusa terribile,il popolo organizza fiaccolate di solidarietà in favore di roberto,che nel frattempo viene condannato in via definitiva all'ergastolo,la condanna e clamorosa quanto ingiusta,che scuote tutto l'ambiente,si mobilitano in massa associazioni culturali,parroci,gente comune e personaggi di rilievo del movimento politico locale,tutti uniti per rendere giustizia ad un innocente,vittima di un errore giudiziario mastodontico, per il povero roberto,dopo la sentenza in via definitiva all'ergastolo,le speranze per roberto di uscire dal carcere si erano ridotte al nulla,ma proprio quando tutto sembrava perduto,ecco che i veri responsabili di quel delitto efferato,presi da rimorso di coscienza si autoaccusano di quel delitto,scagionando e di conseguenza restituendo la libertà a roberto. se non era per la coscienza dei veri esecutori di quel delitto,un povero innocente avrebbe passato il resto della sua vita in galera,se questa si chiama giustizia....


Home